GialloModena

giallomodena_e1f6fbc0177076edd7b97e2ddffc1f51Dieci giallisti modenesi hanno fornito i loro racconti per dare vita alla prima pubblicazione del genere all’ombra della Ghirlandina.

La terra è rotonda e ruota intorno alla Ghirlandina. O meglio, ogni modenese, anche quello che negherà sempre, fino all’evidenza, è comunque legato a quella Pioppa (ch’l’è cla piòpa sàcca, èlta e drétta, piantèda in d’l’umbréghel ed Mòdna, ch ‘la s ‘ciama Ghirlandèina) e per quanto si possa allontanare, anche fino all’altro capo del mondo, quel legame continuerà ad esercitare la sua tenace influenza.

E’ così per tutti i modenesi ed è così anche per gli autori che hanno dato vita a GialloModena, la prima raccolta di racconti gialli ambientati all’ombra della Ghirlandina, o poco distante. Non a caso in copertina campeggia uno dei leoni del Duomo, in una veste allo stesso tempo famigliare e inquietante, quasi schermato dalla nebbia e con gli occhi rossi fiammeggianti.

Il volume, edito da Damster Modena nella collana specializzata Comma 21, è uscito nei giorni scorsi ed è acquistabile presso tutte le librerie Modena, e anche presso l’Ottica Galvani di Piazza Mazzini che ha collaborato al progetto.

Gli autori sono tutti (o quasi) di Modena, c’è chi ha esperienza di lungo corso e chi si affaccia solo ora alla scrittura di genere, ma tutti hanno in comune il legame con questa città. Scrivono gli autori: “la nostra raccolta è un po’ la rappresentazione di tale legame, ognuno di noi vive di qua e di là, abbiamo età e vite diverse, sono diverse le esperienze che ci hanno fatto maturare. Tutto diverso, tranne Modena, e per non farci mancare nulla abbiamo imbarcato anche un bolognese, trapiantato a Latina e pubblicato a Modena, che non si dica che siamo campanilisti.”

GialloModena è un insieme di vicende e stili molto diversi, ma giocando su alcune frasi estrapolate da ciascun racconto, viene fuori una storia parallela che recita più o meno così: Giallo Modena è una vicenda seria come “la ricerca di un cuore nuovo”, anche se a tratti può sembrare “l’ultimo scherzo di carnevale”. “Un reo confesso” guarda “la neve sui tetti delle case” e con la mente va alle “storie d’amore del Bucamante”. Lui non sa cosa succede “all’acido prussico a 26 gradi” ma pensa che una possibile soluzione possa essere “un salto nel tvajol ed furmajin”. Il finale arriva travolgente come una “canzone degli ac/dc” e sorprendente come in “un racconto di Edgar Allan Poe”.

GialloModena, è solo la prima tappa di un percorso: intanto è già stata lanciata una sfida tra giallisti modenesi e giallisti bolognesi. Probabilmente si svolgerà a Castelfranco nei primi mesi del nuovo anno.

 

Autore: AA.VV.
Editore: Damster
Anno di pubblicazione: 2016
Acquistabile presso: Damster Edizioni
Prezzo di copertina: 14,00 euro
Pagine: 200
ISBN 978-88-6810-308-8

Lascia un commento